mercoledì 17 aprile 2013

Le prime 24 ore a Maputo sono passate. Ed anche la mia prima impressione.
Maputo è una capitale veramente enorme, la larghezza delle strade fa perdere un pò la concezione di quanto siano lunghe e interminabili. Tutte le strade hanno un nome collegato al periodo socialista mozambicano, è facile infatti trovarsi a passeggiare per avenue intitolati a Kim Il Sung o Allende o Mao o Lenin o Marx. O ad altro. Ma comunque, presentano piu o meno tutte le stesse caratteristiche.
Dati i palesi tratti da siculo/normanno, è facile essere avvicinati da venditori ambulanti (strapieno) e sedicenti poliziotti che con la scusa di un controllo passaporti, cercano di spillarti via qualche lira (i funzionari statali guadagnano veramente una miseria, ma il posto essendo sicuro è tanto ambito). La gente comunque è molto socievole e disponibile, sempre pronta ad una chiacchiera, anche se l'interlocutore non falla perfettamente portoghese!
La necessità di richiedere una copia autenticata del passaporto, mi ha permesso di dare una rapida occhiata anche ad un ufficio pubblico mozambicano, ed è stato come essere una comparsa di una qualche tragicommedia di Alberto Sordi: stanza da 35 mq, un ventilatore grande come una elica di un velivolo e una cinquantina di persone all'interno, in "coda" ad aspettare la chiamata (sottovoce) del funzionario di turno.
In realtà non è che abbia visto cosi tanto della città, praticamente niente di tutto quello che mi ero prefissato, ma sono stato stregato dall'assenza di tempo del posto, una chiacchiera tira l'altra, e quindi non sono  neanche riuscito a raggiungere il palazzo presidenziale.
Oggi vi porgo i saluti di questo gruppo di ragazzi (non sono per nulla bravo a ricordare i nomi). Hanno studiato, alcuni sanno l'inglese, altri no, ma comunque tutti sono pienamente consapevoli che il primo problema del Mozambico è l'educacao. Per lavoro lavano le macchine lungo la strada, per una ventina di meticais, quasi cinquanta centesimi. "Salvador, di a tua mamma che la vita in Mozambico non è per niente facile"

Domattina partenza per Maxixe!

4 commenti:

  1. A quanto vedo ti sei ben integrato. Complimenti.

    RispondiElimina
  2. raccolgo la comunicazione e rifletto:..abbiamo solo avuto la "fortuna" di nascere da questa parte del mondo. Molti n non c i riflettono sù...

    RispondiElimina
  3. germano mosconi sulla maglia. foto ossimoro!

    cagno

    RispondiElimina
    Risposte
    1. "andate per la terra e diffondete la Parola".

      Elimina